Aggiornamento progetto Eurocare

Giugno 2010: gli obiettivi raggiunti, i nuovi sviluppi e le prospettive future di EUROCARE

EUROCARE utilizza i dati dei Registri tumori per migliorare l'aspettativa di vita e la cura dei pazienti affetti dal cancro e continua l'attività di analisi e comparazione dati sulla sopravvivenza in Europa.
Visita il sito del progetto

EUROCARE-5 continua l’attività di sorveglianza e confronto della sopravvivenza e cura dei malati oncologici in Europa, avviata nel 1990 con EUROCARE-1 e proseguita con Eurocare-2, 3 e 4.

principali obiettivi di EUROCARE-5

  • Aggiornare la banca dati esistente, includendo i dati relativi ai pazienti diagnosticati fino al 2006 e seguiti almeno fino a dicembre 2007, allo scopo di analizzare la sopravvivenza a breve e lungo termine
  • Analizzare la sopravvivenza dei pazienti affetti da tumore con metodi statistici sia convenzionali che innovativi, per esempio:
    • metodo ‘di coorte’, generalmente utilizzato negli studi di sopravvivenza. Verrà stimata la sopravvivenza relativa, cioè aggiustata per le cause di morte competitive nella popolazione generale della stessa età e sesso dei pazienti oncologici;
    • metodo ‘di periodo’. Questo metodo statistico consente di stimare la sopravvivenza dei pazienti diagnosticati in anni recenti, per i quali si dispone solo di follow-up incompleto o comunque inferiore a 5 anni. Il metodo - ampiamente validato in studi di popolazione - consente di studiare l’effetto sulla sopravvivenza di recenti innovazioni diagnostico terapeutiche;
    • stima della quota di pazienti guariti tramite modelli statistici (‘misture survival models’) che consentono di separare l’intera quota di pazienti sopravvissuti alla malattia in una parte di guariti e in una parte destinata a recidivare o morire dopo un intervallo di tempo variabile dalla diagnosi;
    • analisi degli andamenti temporali di sopravvivenza, allo scopo di fornire informazioni sull’effetto dei programmi di screening oncologico e dell'efficacia delle nuove terapie.
  • Confrontare le procedure diagnostiche e terapeutiche per i malati di tumore in Italia con quelle di altri paesi europei attraverso studi di alta risoluzione (HR).
    Questi studi prevedono la raccolta di informazioni cliniche dettagliate su base campionaria, quali : modalità di diagnosi, stadio del tumore alla diagnosi, numero totale di linfonodi esaminati e metastatici, tipo di trattamento. In aggiunta a queste variabili, si raccoglieranno informazioni sui marcatori biologici per la caratterizzazione del tumore, ad esempio: recettori di estrogeni, progesterone e HER2 per il tumore al seno, Le informazioni sullo stato in vita e le recidive saranno aggiornati in seguito. in fase di sviluppo in Italia sono principalmente volti a spiegare le differenze di sopravvivenza per tumore tra il Nord e il Sud del Paese. Analoghe esperienze sono in corso in altri paesi, ad esempio, Francia, Spagna, Regno Unito. Lo sviluppo di un protocollo comune permetterà studi comparativi tra diverse aree europee.

Gli strumenti utilizzati
I registri tumori partecipanti possono sottomettere i propri dati tramite un programma informatico specifico messo a punto dal reparto di epidemiologia dei tumori dell’ISS di Roma, che gestisce la banca dati generale EUROCARE, oppure tramite un sistema simile che verrà prossimamente reso predisposto dalla European Network of Cancer Registries. E’ allo studio un protocollo unico per la raccolta dei dati dei registri tumori da utilizzare per diversi studi, da quelli sulla sopravvivenza e prognosi a quelli descrittivi o eziologici

Il lavoro svolto
Tutti i registri tumore europei hanno ora ricevuto il protocollo di studio aggiornato per la raccolta dei dati di sopravvivenza relativi ai pazienti diagnosticati dopo il 2000. Il protocollo tiene conto di tutti gli emendamenti e le proposte nell’ultimo meeting plenario tenutosi a Genova nel marzo 2009 e delle successive discussioni.
E’ in fase di completamento la raccolta dei dati per lo studio ad alta risoluzione EUROCARE-5 Italia. Questo studio – condotto in stretta collaborazione con Airtum - vede la partecipazione di 13 registri tumore italiani che hanno raccolto informazioni cliniche dettagliate sulle procedure diagnostico terapeutiche attuate per i tumori di mammella, colon retto, polmone e per melanoma e linfoma, diagnosticati nel 2003-2005. Attualmente la banca dati centralizzata presso l’unità di epidemiologia analitica dell’Istituto nazionale tumori (INT) comprende i dati clinici di circa 87000 pazienti. Una prima analisi sul tumore della mammella è stata presentata alla riunione dell’Associazione registri tumori italiana (Airtum, Sabaudia 22-23 aprile 2010), i primi risultati definitivi sono previsti per l’autunno 2010.
I risultati dello studio Alta risoluzione italiano verranno confrontati con quelli di altri paesi, con cui  è stata avviata una collaborazione:

  • Spagna:  è in corso uno studio sul tumore della mammella che utilizza il protocollo italiano e faciliterà l'analisi comparative fra i due paesi
  • Inghilterra: i registri tumori e i centri ospedalieri partecipano all'International  Benchmarking Study, progettopromosso dal ministero della salute inglese che si avvale della collaborazione dei paesi europei ed extraeuropei. Le analisi dei dati vengono condotte presso la London School of Hygene and Tropical medicine di Londra, con la supervisione del Prof M. P. Coleman

Un lavoro di rete
La collaborazione e lo sviluppo di confronti internazionali si basa  sull’impegno e sul lavoro di una rete di 93 registri tumore europei che periodicamente raccolgono i dati sulla sopravvivenza e alla cura dei pazienti oncologici nelle proprie aree.
Il lavoro è coordinato da:
Istituto nazionale dei tumori (Dipartimento di medicina predittiva e preventiva) e dall’ Istituto superiore di sanità (ISS, reparto di epidemiologia dei tumori).
La collaborazione internazionale viene inoltre attuata tramite la European Partnership Action Against Cancer (EPAAC), sostenuta dalla UE, all’interno del quale l’Unità di epidemiologia analitica dell’INT (Dotoressa Milena Sant) coordina il Work Package Health information and data, finalizzato allo sviluppo di confronti internazionali sulla sopravvivenza e la cura dei pazienti oncologici

Obiettivi futuri
Entro fine giugno i registri europei coinvolti nel progetto invieranno i propri dati all’ISS, in modo da potere iniziare le analisi nell’autunno 2010 e rendere disponibili i principali risultati entro la fine dell’anno.
EPAAC è finalizzato ad analizzare e rendere pubblicamente accessibili dati su sopravvivenza e cura dei pazienti oncologici a livello regionale e nazionale utili per la pianificazione e valutazione  delle attività di controllo del cancro. Il progetto studierà inoltre i costi in oncologia e analizzerà i percorsi riabilitativi dei pazienti oncologici.

Leggi l'aggiornamento al 2007

Aggiornamento del giugno 2010
a cura di Milena Sant
per corrispondenza: Milena.Sant@istitutotumori.mi.it