Catanzaro, comunicato stampa

Leggi il comunicato stampa del workshop tenutosi a Catanzaro il 16 marzo 2011

Comunicato stampa

Registro Tumori di Catanzaro ed Arpacal in collaborazione nel monitoraggio della relazione tra ambiente e tumori nella popolazione residente.

Mercoledì 16 marzo a Catanzaro, nel salone consiliare “A. Ferrara” della Provincia di Catanzaro avrà luogo un workshop sul tema “ Il monitoraggio dello stato di salute delle popolazioni residenti in siti contaminati: approcci metodologici e scenari di sinergia tra l’Associazione Italiana Registri Tumori e l’ Istituto Superiore di Sanità”.

Il Convegno è stato organizzato dall’Associazione Italiana Registri Tumori, dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Registro Tumori di Catanzaro, con il patrocinio della provincia di Catanzaro, dell’Agenzia Regionale Protezione Ambientale della Calabria e dell’Azienda Sanitaria Provinciale.

Scopo dell’iniziativa è la presentazione di un programma organico di collaborazione tra Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM) e Istituto Superiore di Sanità, con la collaborazione del Registro Nazionale Mesoteliomi, per lo studio dell’insorgenza dei tumori nelle popolazioni che vivono in aree ad alto rischio ambientale in Italia.

L’Istituto Superiore di Sanità è da tempo impegnato in uno studio epidemiologico nazionale dei territori e degli insediamenti esposti a rischio da inquinamento ambientale (progetto SENTIERI) a cui l’AIRTUM intende contribuire attraverso i dati dei Registri Tumori italiani che coprono ormai il 35% della popolazione nazionale.

Alle 9,00 si apriranno i lavori con i saluti delle autorità: Il Vice Presidente della Giunta Regionale, Antonella Stasi, S.E. il Prefetto di Catanzaro Antonio Reppucci, il Dirigente Generale Dipartimento Tutela della Salute della Regione Calabria, Antonino Orlando, l’Assessore Regionale Ambiente, Francesco Pugliano , il Commissario ARPACAL, Sabrina Santagati, il Commissario ASP di Catanzaro, Gerardo Mancuso, il Commissario A.O. Pugliese-Ciaccio, Elga Rizzo, il Direttore Generale Fondazione T. Campanella, Sinibaldo Esposito e l’ Amministrazione Comunale di Catanzaro.

Nella mattinata, rappresentanti del Gruppo di Lavoro “siti contaminati” ISS-AIRTum, esporranno il Razionale del Progetto SENTIERI (Studio Epidemiologico Nazionale dei territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento) ed i primi risultati. Saranno date anche indicazioni sulle procedure individuate per lo studio dell’incidenza dei tumori in siti contaminati italiani.

Durante il workshop verrà presentata, dalla Dott.ssa Sutera Sardo Antonella, Direttore del Registro Tumori dal’ASP di Catanzaro, unico in Calabria ad aver ricevuto l’accreditamento da parte dell’AIRTUM, la monografia “ I tumori nella Provincia di Catanzaro - Rapporto 2011.

Il monitoraggio effettuato dal Registro Tumori, in sinergia con le attività istituzionali dell’ARPACAL, potrà dare un contributo allo studio della possibile correlazione tra contaminazione ambientale e cancro.

Sull’uso dei dati prodotti dai Registri Tumori in ambito di clinica oncologica relazionerà il Dott. Stefano Molica, Direttore del Dipartimento Onco-Ematologico dell’Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio.

Al termine della mattinata si svolgerà, una Tavola Rotonda sul tema” Disponibilità ed uso dei dati per l’epidemiologia ambientale”, coordinata dal Dott. Luca Carra, medico e giornalista scientifico (Zadig,Espresso).

Nel pomeriggio saranno presentati i dati ARPACAL, illustrati dal Dott. M. Iannone, su studi ambientali per la Calabria; inoltre il Dott. Mario Fusco, il Dott. Anselmo Madeddu ed il Dott. Giorgio Assennato, rispettivamente per la Campania, Sicilia e Puglia, porteranno il loro contributo in tema di valutazione dell’impatto sulla salute prodotto dai siti contaminati, nella popolazione residente nel Sud Italia. Il Dott. Paolo Ricci (Osservatorio Epidemiologico ASL Provincia di Mantova) esporrà un’analoga esperienza in una regione settentrionale (Lombardia).

Il Dott. Alessandro Marinaccio, parlerà del contributo offerto dal Registro Nazionale Mesoteliomi (da lui diretto) alla sorveglianza dello stato di salute della popolazione.

I lavori si chiuderanno alle 16 con le considerazioni finali da parte del Segretario Nazionale AIRTum Dott. Stefano Ferretti e del Dott. Pietro Comba (Reparto di Epidemiologia Ambientale , Dipartimento Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria, Istituto Superiore Sanità).

L’evento sarà visibile, in diretta, attraverso il canale web dell’AIRTUM (www.registri-tumori.it)