Resoconto riunione IACR

11-13/10/2011 Balaclava (Mauritius) si è svolto il 33esimo meeting annuale dell'International Association of Cancer Registries.

Il giorno precedente, 10 ottobre, si sono svolti due seminari paralleli, il primo dedicato alle metodologie di interpretazione dei trend e alle proiezioni temporali, tenuto da Freddie Bray (IARC, Lione) e Henrik Moller (King’s College, Londra) e il secondo dedicato al nuovo CanReg5, curato da Morten Ervik (IARC, Lione). Il giorno successivo, il 14 ottobre, è stata l’occasione per una riunione del network dei registri africani, aperta a tutti i partecipanti.

Il meeting, ospitato nell’incantevole baia di Balaclava, ha riunito rappresentanti dei registri tumori e delle istituzioni a essi correlati provenienti da tutti i continenti. Maggiormente presenti sono state le delegazioni del Paese ospitante e in generale dei Paesi in via di sviluppo, non a caso il tema conduttore del congresso era: “Il cancro nei Paesi in transizione”.

I numeri dell’evento sono stati coerenti con il respiro internazionale del meeting: 37 presentazioni orali, 7 relazioni invitate, una ottantina di poster. Particolarmente rappresentati sono stati, come detto, i Paesi emergenti e in particolare il Sud Africa (con 5 comunicazioni orali), l’India (3 comunicazioni orali) e ovviamente la piccola Repubblica di Mauritius, così come Nigeria, Tanzania, Pakistan, Yemen, Congo, Argentina, Indonesia, Egitto, Brasile, Thailandia, Sri Lanka, Uruguay e Malawi. Relativamente più ristretti sono stati gli spazi concessi ai Paesi cosiddetti sviluppati, Italia compresa.

L’AIRTUM è stata rappresentata attraverso due contributi del proprio Working Group, accettati come poster, espressione delle due ultime monografie AIRTUM: quella della prevalenza (2010) e quella della sopravvivenza (2011). Da segnalare anche il Registro tumori umbro, che ha presentato altri due poster:  uno sul trend delle lesioni in situ e invasive della cervice e uno su un modello di applicazione web per la georeferenziazione.

La maggior parte dei contributi, in ragione della rappresentazione dei Paesi emergenti, hanno dato conto delle fasi iniziali e dei risultati preliminari delle attività di registrazione in quelle nazioni; molto stimolante l’intervento di Timo Hakulinen che ha trattato delle novità all’orizzonte delle analisi di sopravvivenza, tra le quali la rivisitazione dei metodi di calcolo di alcuni indicatori, che sono state peraltro oggetto di ampia trattazione nel corso AIRTUM di Camerino dello scorso settembre.

In occasione di questa riunione scientifica si è svolta anche la seconda edizione del Premio Enrico Anglesio, IACR Round. La giuria, presieduta da Sabine Siesling (Olanda), ha dichiarato vincitore il Dr. Mugi Wahidin (Jakarta, Indonesia) per la presentazione dello studio: “Method of Population-Based Cancer Registry in Indonesia”. Il premio di 500€ è stato consegnato al vincitore dal Dottor Alberto Anglesio, Presidente del Fondo Anglesio Moroni (maggiori notizie su www.anglesiomoroni.org).

Il prossimo appuntamento sarà in Europa: la riunione IACR 2012 si terrà infatti a Cork, in Irlanda, dal 17 al 19 settembre 2012. Verrà presto attivato un sito dedicato (www.iacr2012.org) che conterrà maggiori dettagli organizzativi e le anteprime dei temi del convegno.

 

La redazione,  novembre 2011