Pubblicati i dati di Eurocare 4

Aumenta la sopravvivenza in Europa, ma non ovunque allo stesso modo. I Paesi dell’Est migliorano, l'Italia è in buona posizione, l'Inghilterra sotto la media, la Danimarca in difficoltà.

Torna alle notizie

Si sopravvive di più ai tumori nei Paesi del Nord Europa e meno in quelli dell’Est, che però rispetto al passato hanno accorciato le distanze con gli altri Paesi dell’Unione. Così risulta dallo studio Eurocare 4, che ha raccolto i dati di 83 registri tumori e ha stimato la sopravvivenza in 23 Paesi europei. In particolare, i Paesi dell’Europa centrale e del Nord Europa – eccetto la Danimarca – hanno una sopravvivenza più alta ai tumori del colon retto, del polmone, della mammella, della prostata e dell’ovaio; seguono i Paesi del Sud, con una sopravvivenza intermedia, e in coda Inghilterra e Irlanda, con una sopravvivenza ancora più bassa.

Eurocare 4 inoltre ha calcolato per ogni Paese il rapporto tra sopravvivenza a cinque anni per tutti i tipi di tumore e spese sanitarie nazionali. Si può concludere, in generale, che i Paesi che spendono di più in sanità hanno migliori esiti per quanto riguarda i tumori. Con alcune eccezioni, come la Danimarca e il Regno Unito, che hanno una sopravvivenza per tutti i tumori più bassa di quella di paesi con spesa sanitaria simile.

Articolo principale:
Survival for eight major cancers and all cancers combined for European adults diagnosed in 1995–99: results of the EUROCARE-4 study (Fanco Berrino et al.)
Abstract su The Lancet Oncology

Articolo correlato:
Recent cancer survival in Europe: a 2000–02 period analysis of EUROCARE-4 data (Verdecchia et al.)
Abstract su The Lancet Oncology

Polemiche inglesi: il Cancer Plan non funziona?

A seguito della pubblicazione dei dati di Eurocare4 relativi alla sopravvivenza dei malati inglesi (sotto la media europea), si è aperto un dibattito sull'efficacia del Cancer Plan varato in Inghilterra nel 2000 per migliorare l'assistenza ai malati di cancro in quel paese. Di seguito si allegano il comunicato stampa, l'editoriale e un articolo a firma di Mike Richard sull'argomento.

 

la redazione, 1 ottobre 2007

Torna alle notizie