L’inquinamento atmosferico è cancerogeno: parola di IARC

I dati forniti da decine di lavori nel corso degli anni lo avevano anticipato, ora la IARC lo certifica: l’inquinamento causa il cancro del polmone.

Dopo settimane di lavoro di vaglio della copiosa letteratura prodotta in tema di inquinamento ambientale, gli esperti IARC convenuti a Lione in ottobre da decine di Paesi sono giunti a una (anzi, due) conclusioni. La prima: “Esistono prove sufficienti (sufficient evidence) che l’inquinamento atmosferico sia cancerogeno per gli esseri umani. L’inquinamento atmosferico causa il cancro del polmone”. E non si sono fermati qui. Siccome avevano a disposizione dati in numero sufficiente e di buona qualità per valutare una delle decine di componenti della miscela che costituisce l’inquinamento atmosferico, il particolato (PM 2,5 e PM10), hanno aggiunto: “Esistono prove sufficienti (sufficient evidence) che il particolato atmosferico sia cancerogeno per gli esseri umani. Il particolato atmosferico causa il cancro del polmone”.

Ambedue, inquinamento e PM, sono inseriti da ora in avanti nel Gruppo 1 della classificazione IARC.

Tutto questo lavoro sarà pubblicato nel volume 109 delle Monografie IARC che viene presentato oggi, 24 ottobre 2013,  sulle pagine di Lancet Oncology.