La dieta per proteggere la vescica

Un’alimentazione ricca di flavonoidi e lignani riduce il rischio di cancro della vescica, in particolare delle forme più aggressive di cancro uroteliale.

A svelarlo è una ricerca condotta nell’ambito dello studio EPIC (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition) appena pubblicata sul British Journal of Cancer (BJC 2014:111:1870-80 | doi:10.1038/bjc.2014.459). Un’altra prova del ruolo protettivo esercitato da flavonoidi e lignani nei confronti del cancro si aggiunge così a quelle accumulatesi negli ultimi anni.

In questo caso i ricercatori (tra cui diversi italiani) hanno indagato il rapporto tra assunzione di queste sostanze e rischio di cancro della vescica, e in particolare della sua forma principale, il carcinoma delle cellule uroteliali (UCC) in una popolazione di 477.312 soggetti tra i 35 e i 70 anni reclutati in 10 Paesei europei.

Non è stata trovata alcuna associazione tra assunzione totale di flavonoidi e cancro della vescica, ma è bastato indagare tra le sottoclassi di questi composti per svelare il ruolo protettivo svolto dal flavonolo, come anche dai lignani, nei confronti di questo cancro. Gli stessi risultati sono stati ottenuti per il carcinoma uroteliale, con l’unica eccezione delle forme non aggressive di UCC, sulle quali flavonolo e lignani non mostrano alcun effetto.