Progetto STIME NAZIONALI

Rapporto aggiornato all'aprile 2010
Le stime definitive del tumore polmonare, gastrico, colorettale e mammario nella popolazione tra gli 0 e i 99 anni verranno pubblicati a breve.

Il gruppo AIRTUM lavora con l’Unità 3 del progetto ACC-RETE su stime e proiezioni a livello nazionale e regionale
 

Introduzione

Nell’ambito del progetto di Alleanza Contro il Cancro denominato “Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia (ACC-RETE)” si è costituito un gruppo di lavoro AIRTUM. Il gruppo lavora con l’Unità 3 del progetto ACC-RETE su stime e proiezioni a livello nazionale e regionale.
Per valutare l’impatto degli interventi di prevenzione e per la sorveglianza oncologica, gli indicatori epidemiologici sul cancro raccolti su base di popolazione sono essenziali.
In questo ambito è ben riconosciuto il ruolo dei registri tumori (RT), che sono preposti alla rilevazione di questi dati e sono tra i soggetti maggiormente impegnati nella loro analisi e diffusione. Nel nostro paese, i RT offrono una copertura solo parziale della popolazione nazionale (circa il 32%) e questo riduce il grado di rappresentatività della realtà italiana.

Obiettivi

Lo studio si pone l'obiettivo è di effettuare stime su base nazionale e regionale dei principali indicatori epidemiologici (incidenza, prevalenza e mortalità) per i tumori più frequenti e per tutti i tumori maligni considerati (polmone, mammella, stomaco, colon retto, prostata, melanoma e tutti i tumori).
Le stime verranno effettuate a partire dai dati dei Registri tumori.
Verranno utilizzati metodi di stima che forniranno la base numerica per previsioni, stime e valutazioni di impatto a livello nazionale, regionale e di aree non coperte dalla registrazione.
I dati di incidenza, sopravvivenza e prevalenza dei registri tumori saranno utilizzati per produrre stime rappresentative a livello nazionale e regionale.
L'Istituto superiore di sanità e l'Associazione italiana dei registri tumori sono collaboratori essenziale per il conseguimento degli obiettivi.

Metodologia                                      

A tale scopo saranno utilizzati diversi metodi che si basano sui dati di mortalità e sull’analisi statistica delle relazioni che legano la mortalità all’incidenza, alla sopravvivenza e alla prevalenza (metodi MIAMOD e PIAMOD).1,2,3
Gli stessi metodi saranno utilizzati per ottenere le proiezioni temporali a breve termine (dall’ultimo anno di dati disponibili all’anno in corso) e a medio termine (3-5 anni a partire dall’anno corrente). La disponibilità di uno scenario esaustivo degli indicatori di frequenza e outcome nella popolazione generale permetterà di proiettare a livello nazionale anche le informazioni diagnostico-terapeutiche raccolte dai registri.
Lo studio dei trend temporali consentirà infine di effettuare previsioni della futura domanda sanitaria.
É previsto inoltre:

  • un confronto con altre stime prodotte a livello regionale o locale (aree dei registri tumori);
  • un contatto con l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro di Lione (IARC) che produce e diffonde stime anche italiane con il programma GLOBOCAN;
  • un coordinamento con tutte le unità e istituzioni che calcolano stime per consentire procedure di validazione condivise;
  • la creazione di un gruppo di lavoro tra tutte le istituzioni che si sono dichiarate interessate alla metodologia e alla conseguente attività di stima.

Attività già svolta

Il gruppo di lavoro si è già riunito due volte a Roma presso l’Istituto superiore di sanità. É disponibile il verbale dell'ultima riunione.

Al momento sono disponibili i risultati definitivi delle stime per il cancro

  • polmonare,
  • gastrico,
  • colorettale,
  • mammario.

Sono in corso le analisi per il cancro

  • della prostata,
  • del melanoma,
  • dell’insieme di tutti i tumori.

Caratteristiche delle nuove stime

  • Le stime precedenti erano state effettuate per la popolazione di età compresa tra 0 e 84 anni, mentre queste sono per la popolazione di età compresa tra gli 0 e i 99 anni. Le attuali stime coprono quindi una porzione maggiore di popolazione, dando l’opportuna attenzione alla popolazione dei molto anziani.
  • Per le sedi in considerazione sono disponibili le stime nazionali e regionali di incidenza, mortalità e prevalenza separatamente per uomini e donne dal 1970 fino al 2015 (dal 2003 in poi sono proiezioni).
  • La validazione delle stime d’incidenza avviene con i dati di incidenza osservata dei registri tumori, mentre la validazione della mortalità è permessa dal confronto con la mortalità dell’ISTAT.

Per la fruizione dei risultati si prevede

  • la pubblicazione sulla rivista Tumori,
  • l'aggiornamento delle stime presenti sul sito www.tumori.net,
  • la realizzazione un sito web specifico per il programma MIAMOD che ospiti tutti i risultati ottenuti e i dati necessari alle analisi in modo da garantire la massima trasparenza al lettore.

Bibliografia

1.De Angelis G., De Angelis R., Frova L., and Verdecchia A. Miamod: a Computer Package to Estimate Chronic Disease Morbidity Using Mortality and Survival Data. Computer methods and programs in biomedicine 1994; 44(2): 99-107.
2.Verdecchia A., De Angelis G., and Capocaccia R. Estimation and Projections of Cancer Prevalence From Cancer Registry Data. Statistics in Medicine 2002; 21: 3511-26.
3.Verdecchia A, De Angelis R, Francisci S, and Grande E. Methodology for estimation of cancer incidence, survival and prevalence in italian regions. Accepted by Tumori.